giovedì 8 febbraio 2018

FATTI & CURIOSITA' / 7 : LE DONNE GIRAFFA


Donne giraffa
Vicino al confine con la Birmania, nel nord-ovest della Thailandia, più esattamente nella provincia di Mae Hong Son, tra la vegetazione rigogliosa che costeggia il fiume Pai sorgono i villaggi di alcune tribù Kayan. I Kayan, chiamati anche Padaung (che in lingua birmana significa appunto “lungo collo”), sono un’etnia della popolazione dei Karen, una minoranza di lingua tibeto-birmana. Sono comunemente conosciuti anche come le tribù delle donne giraffa, per gli anelli di ottone che le fiere rappresentanti di questa popolazione portano al collo sin da bambine.
Sono tanti i turisti occidentali che partecipano a tour organizzati per visitare i villaggi dei Padaung; passeggiando tra giganteschi elefanti è possibile curiosare tra i prodotti d’artigianato locale e ammirare le capanne  dove vivono le tribù, ma “l’attrazione” principale sono proprio loro, le misteriose donne giraffa, frutto di una tradizione ancestrale che ancora oggi ha origini non proprio chiare e che è stata al centro anche di alcune polemiche legate alle conseguenze di questa pratica sul fisico delle donne.
Questa pratica prevede che alcune bambine inizino ad indossare il primo anello all’età di cinque anni. Il collo, con l’aggiunta progressiva degli anelli, si allunga di anno in anno. Si tratta però di un allungamento solo apparente. Sono infatti le clavicole che, per effetto della continua pressione esercitata dagli anelli e dal peso del capo, si abbassano e si schiacciano, determinando un effetto ottico per cui a primo impatto sembra che le donne abbiano un collo lunghissimo. Tutto questo però viene pagato a caro prezzo dal fisico delle donne giraffa, con il risultato di una deformazione permanente della clavicola e della colonna vertebrale. Inoltre, dopo tanti anni passati ad indossare gli anelli, i muscoli del collo sono talmente indeboliti da non riuscire più a sorreggere la testa: la rimozione degli anelli è una delle punizioni previste per l’adulterio e costringe la donna a trascorrere tutto il resto della propria vita in posizione sdraiata.
Come sempre dietro ad ogni costume vi è la necessità di affermare la propria identità culturale e di differenziarsi dalle altre tribù, ma nel corso degli anni sono nate varie tesi che hanno provato a dare una spiegazione delle origini di questa particolare usanza. Secondo alcuni è frutto di antiche leggende che legano tali popolazioni ai dragoni Naga; secondo altre tesi si tratterebbe invece di un sistema pensato per difendere le donne delle tribù dagli attacchi delle tigri, un animale da sempre molto presente in questi territori. Altre teorie sostengono che un collo più lungo è un simbolo di grande bellezza e ricchezza ed è un modo per attrarre gli uomini e quindi convolare a nozze con un partito migliore.
Qualunque sia la verità che si cela dietro a questa tradizione ancestrale, le donne come tutti i componenti della tribù Padaung, dimostrano ancora oggi di aver conservato un forte legame con la terra e con il proprio passato, che purtroppo è stato costellato di eventi molto drammatici.
Le antiche leggende narrano che i Karen giunsero in Birmania tantissimi anni fa dalla Cina. Non si tratta in realtà di un gruppo omogeneo, ma di un insieme di tribù, ognuna con delle proprie caratteristiche e una propria lingua. Le tribù Padaung che vivono oggi in Thailandia sono arrivate solo poco più di dieci anni fa dalla Birmania, terra da cui sono dovuti fuggire in seguito alla guerra scoppiata tra l’etnia Karen ed il regime militare birmano. Una decisione  dolorosa e sofferta per un popolo profondamente legato alla terra, da cui trae anche la propria principale fonte di sostentamento, ma resa necessaria dall’oppressione esercitata per decenni dal regime militare birmano, colpevole di violazioni dei diritti umani attraverso metodi quali il lavoro forzato, la detenzione in carcere e i trasferimenti obbligatori.
In seguito al rifiuto del governo thailandese di concedere lo status di rifugiati ai Kayan, questi risultano apolidi e sono costretti a rimanere nei territori a loro assegnati dal governo thailandese, e vivono una condizione di semi prigionia, proprio perché non possono lavorare sul territorio thailandese, non potendo ottenere la cittadinanza del Paese che li ospita, ma al tempo stesso non possono spostarsi al di fuori delle aree a loro riservate.
Alla base di questa situazione il motivo è purtroppo solo uno: le donne giraffa sono diventate negli ultimi anni molto popolari e costituiscono un’attrazione turistica che porta notevoli introiti alle comunità locali che sono a capo dei villaggi.  Secondo molte organizzazioni umanitarie, quindi, non è solo il legame con le proprie tradizioni a spingere le donne giraffa a continuare ad indossare gli anelli di metallo: questa pratica rappresenterebbe l’unica fonte di sopravvivenza per il popolo Kayan. I turisti che vogliono visitare i villaggi delle tribù devono pagare un ingresso di 250 bath, una somma a cui poi si aggiunge l’eventuale acquisto di prodotti artigianali locali, fatti a mano dai Kayan: queste entrate vengono suddivise tra le tribù e il governo. Per  questo motivo oggi alcuni tour operator si rifiutano di organizzare tour in questi villaggi, e si sono verificati episodi in cui i turisti hanno boicottato le escursioni di alcune agenzie.


FATTI & CURIOSITA' / 7 : LE DONNE GIRAFFA

FATTI & CURIOSITA' / 6 : FORDLANDIA IL FALLIMENTO INDUSTRIALE DI FORD IN AMAZZONIA
FATTI & CURIOSITA' / 5 : ANCHE I PARENTI DEI RICCHI PIANGONO - IL DRAMMA DELLA SORELLA DI MARIAH CAREY
http://mondopopolare2.blogspot.it/2018/02/fatti-curiosita-5.html
1959 : L'ORRENDO MISTERO IRRISOLTO DEL PASSO DYATLOV
http://helaberarda.blogspot.it/2017/03/1959-lorrendo-mistero-irrisolto-del.html
UCCISE E ARCHIVIATE
LA STELLA DI PIAZZA GIUDIA / CELESTE DI PORTO : PANTERA NERA NAZISTA
VIOLENCE : IL PEGGIO DELLA SECONDA GUERRA MONDIALE
IL CASO LUDWIG Di Valerio Evangelisti
ANNIVERSARIO DELLA RIVOLUZIONE UNGHERESE 1956/2016 : LA LEGGENDARIA ERIKA SZELES UNA DELLE MARTIRI COMBATTENTI DI BUDAPEST
COME MUSSOLINI FECE SPARIRE MOGLIE E FIGLIO
ANALISI E INDAGINE DELL'UNIVERSO FRANCESCA WOODMAN : Including L'HOTEL DELLE DONNE,SUICIDE PADADE,ASTROLOGY & MYSTERO,ECC../  RICERCA Di DANILO JANS 
1946  : GLI OCCHI DI RINA FORT
TAMARA BARONI : LA PARMIGIANA DEGLI SCANDALI Di Alberto Rivaroli
IL TRIANGOLO CASATI Di Osvaldo Pagani
IL PONTE DEI SOGNI INFRANTI Di John-Paul Flintoff 
http://helaberarda.blogspot.it/2012/08/il-ponte-dei-sogni-infranti-di-john.html
1967 : FRAN GERARD E LA MALEDIZIONE DI PLAYBOY
OAK L'ISOLA DEL TESORO
http://helaberarda.blogspot.it/2012/06/oak-lisola-del-tesoro.html
SIAMO DAVVERO ANDATI SULLA LUNA?
http://helaberarda.blogspot.it/2012/04/siamo-davvero-andati-sulla-luna.html
1978/1979 MARZIANI IN ITALIA E NEL MONDO
http://helaberarda.blogspot.it/2012/12/19781979-marziani-in-italia-e-nel-mondo.html
A COLLOQUIO CON IL RICERCATORE UCRAINO ANTON ANFALOV Di Costantino Paglialunga
http://helaberarda.blogspot.it/2012/09/a-colloquio-con-il-ricercatore-ucraino.html
UMANOIDE CILENO : CASO IRRISOLTO Di German Pereira
http://helaberarda.blogspot.it/2012/09/umanoide-cileno-caso-irrisolto-di.html
1964 : L'ASTRONAUTA DEL CUMBERLAND Di Giorgio Di Bernardo
http://helaberarda.blogspot.it/2012/11/lastronauta-del-cumberland-di-giorgio.html
BOSTON 1852 : IL VASO GIUNTO DALL'IMPOSSIBILE Di Michele Manher 
http://helaberarda.blogspot.it/2012/12/boston-1852-il-vaso-giunto.html
BOLOGNA 1983 : IL CASO ALINOVI
1996 : LA RAPINA ALLE POSTE  DEGLI UOMINI D'ORO,UN GIOCO DA BAMBINI HORROR TRA TORINO,TIRANA E BOLIVIA
ANNI DI PIOMBO : CALENDARIO DI UN ASSEDIO / ASSASSINI,BOMBE,MORTI E VITTIME ANNO PER ANNO - ITALIA 1969/2003 1a PARTE
GLI ANNI DI LOTTA CONTINUA di Claudio Rinaldi
MILANO 1976 : DELITTO FREDDO,IN PRATICA SENZA MOTIVO Di Sandro Ottolenghi,Giorgio Gabbi,Duilio Pallottelli e Claudio Serra
LO SCRIGNO NERO DELL'AGINTER PRESSE Di Corrado Incerti 
MORTE NIENT'AFFATTO ACCIDENTALE DI UN PORTINAIO 
Di Giuliano Ferrieri
PERCHE' HANNO UCCISO OCCORSIO  Di Sandro Ottolenghi
IL CASO BEAUREGARD  Di Marco Travaglio
ADRIANA FARANDA : LETTERE D'AMORE DAL CARCERE Di Sabina Fedeli 
http://helaberarda.blogspot.it/2012/12/adriana-faranda-lettere-damore-dal.html
COMUNICATO N.XYZ : CURCIO LIBERO FRANCESCHINI STOPPER Di Barbara D'Urso e Priscilla Benedetti 
http://helaberarda.blogspot.it/2012/10/comunicato-nxyz-curcio-libero.html
IL CASO LUDWIG Di Valerio Evangelisti
PIETRO CAVALLERO IL BANDITO CHE RINNEGO' IL MITRA Di Piero Colapric
http://mondopopolare.blogspot.it/2013/05/pietro-cavallero-il-bandito-che-rinnego.html
LA RIVOLTA UNGHERESE DEL 1956
POLITICI ITALIANI E TRANS :IL CASO MORGANA Di Vivi Zizzo B.
http://mondopopolare.blogspot.it/2013/06/politici-italiani-e-trans-il-caso.html
MONACO 1972 : IL GIORNO DEGLI SCIACALLI
The BLACK PANTHERS
SELMA ALABAMA 1965 : CHARLES MOORE E ALTRI FOTOGRAFI DOCUMENTANO LE PRIME MARCE DI PROTESTA NERA INCLUDING VIOLA LIUZZO TRIBUTE
SPECIALI Di CRONACA NERA / 2 : IL MISTERO  DELLA DOTTORESSA TIRONE
SPECIALI Di CRONACA NERA / 1 : 1975 IL MASSACRO DEL CIRCEO
1972 : CACCIA A MARTIN BORMANN / IL VICE DI HITLER E' VIVO E RICCHISSIMO!

-------------------------------------------------------

Nessun commento:

Posta un commento